L’evoluzione dell’Intelligenza Artificiale nello Studio Legale

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Questa tendenza iniziale a essere cauti riguardo alla tecnologia è ancora più vera per gli avvocati, che nella maggior parte dei casi non hanno ancora sostenuto l’evoluzione dell’intelligenza artificiale nello Studio legale. Non sorprende che, quando la tecnologia dell’intelligenza artificiale (AI) è stata introdotta per la prima volta nell’industria legale diversi anni fa, un’ondata di articoli che i robot stavano arrivando per prendere il posto degli avvocati hanno titolato molte pubblicazioni, sostenendo una rappresentazione radicale della tecnologia AI come un rinoceronte che si farebbe strada attraverso la professione legale portando alla completa sostituzione degli avvocati con le macchine. “Brucia la strega” sarebbe stata anche una risposta standard a un avvocato che sosteneva di spendere soldi veri per tutto ciò che potrebbe essere descritto come intelligenza artificiale.

Come per ogni nuovo fenomeno, il clamore e l’apprensione iniziali intorno all’IA si sono esauriti. Fortunatamente, non vediamo più questi titoli spaventosi che creano inutili malintesi nei confronti della tecnologia e contribuiscono alla sua lenta adozione da parte dell’industria legale. Grazie a un’evoluzione dell’IA legale, siamo finalmente in una fase in cui i professionisti legali possono ora concentrarsi sull’esplorazione dei potenziali benefici che l’Intelligenza Artificiale nello Studio Legale può apportare.

Lo stato attuale dell’intelligenza artificiale nello Studio Legale

Naturalmente, alcuni dei compiti attualmente svolti dagli avvocati sono o saranno automatizzati, e alcuni di essi dovrebbero davvero esserlo. La maggior parte di questi compiti è lavoro tecnico ripetitivo e banale, come la classificazione dei documenti nei processi di scoperta e la revisione ordinaria dei contratti, che tutti gli avvocati dovrebbero essere entusiasti di delegare alla tecnologia.

Invece, gli avvocati possono godere di carriere legali più significative concentrandosi sul lavoro legale più sostanziale, come le comparizioni in tribunale, la difesa legale e le negoziazioni, che costituiscono il nucleo della professione legale e sono state le ragioni per cui siamo andati alle scuole di legge in primo luogo.  

In effetti, il 76% dei consulenti legali intervistati nell’ambito dell’indagine sulla legge EY 2021 afferma di trovare difficile gestire i carichi di lavoro attuali e che un’ora di consulenza interna su cinque è attualmente spesa per attività poco complesse, ripetitive o di routine. attività, con l’87% che conferma che il proprio dipartimento dedica troppo tempo a queste attività. Di conseguenza, quasi la metà degli intervistati (47%) riferisce che l’aumento dei volumi di lavoro di basso valore ha avuto un impatto negativo sul morale dei dipendenti. Allo stesso modo, il sondaggio sui consulenti interni condotto nella primavera del 2021 ha mostrato che il 53% si sentiva gravato dal superlavoro e incapace di avere successo a causa di esso.

Questo fenomeno ha un impatto diretto sul benessere degli avvocati, portando spesso al burnout degli avvocati e ad alti tassi di turnover, spesso con conseguente abbandono della professione da parte degli avvocati.

La conservazione è diventata una preoccupazione significativa che costa all’industria legale circa $ 9,1 miliardi all’anno per il fatturato che produce solo nelle 400 più grandi aziende negli Stati Uniti.

Gli studi dimostrano che la soddisfazione e l’impegno sul lavoro dei dipendenti sono legati a una serie di fattori di successo organizzativo, tra cui un minor turnover, un’elevata soddisfazione del cliente e una maggiore produttività e redditività. Il benessere dell’avvocato può contribuire al successo organizzativo generale, negli uffici legali, negli studi legali e negli enti governativi.

Data l’importanza della conservazione dei talenti, tali cifre dovrebbero essere una delle principali cause di preoccupazione per l’industria legale.

Fortunatamente, esistono soluzioni per prevenire il burnout e controllarne gli effetti. Sfruttare la tecnologia per automatizzare gli aspetti di routine e ripetitivi della pratica legale può essere l’antidoto al burnout dell’avvocato e all’insoddisfazione professionale. Potenziare gli avvocati con una tecnologia che fa risparmiare tempo, semplifica i processi e rende il lavoro più efficace, come l’intelligenza artificiale nello Studio Legale, può contribuire a un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata e aiutare gli avvocati ad alleviare la pressione di portare a termine il lavoro.

Tecnologie avanzate come Contract Review Automation (CRA), che sfrutta l’intelligenza artificiale nello Studio Legale, possono aiutare gli avvocati a rivedere i contratti di routine in modo più rapido, coerente ed economico, senza compromettere la qualità.

Rendere l’IA accessibile agli avvocati

In qualità di instancabile sostenitore dell’adozione di tecnologie avanzate per migliorare le capacità umane, credo che il futuro risieda nell’integrazione di esseri umani e intelligenza artificiale, in modo che insieme possiamo ottenere più di quanto ciascuno di noi potrebbe ottenere separatamente.

In un mondo in cui il ritmo del cambiamento è così rapido, lo sfruttamento della tecnologia dovrebbe essere visto come un’opportunità piuttosto che una minaccia e l’industria legale dovrebbe concentrarsi maggiormente sull’esplorazione dei potenziali vantaggi dell’integrazione di tecnologie avanzate come l’Intelligenza artificiale nello Studio Legale.

Usiamo l’intelligenza artificiale nella nostra vita personale: quando guardiamo Netflix, ascoltiamo la nostra musica preferita su Spotify, ci muoviamo in viaggio con Waze o utilizziamo assistenti intelligenti come Siri e Alexa per aiutarci in una moltitudine di attività quotidiane. Perché non possiamo avere un accesso diffuso allo stesso tipo di esperienza di intelligenza artificiale semplificata nelle nostre vite professionali per aiutarci ad avere una carriera più significativa?

La legge è ancora indietro in questo senso, ma non deve esserlo. Gli avvocati dovrebbero essere in grado di godere dei benefici dell’IA, aiutandoli a concentrare la loro attenzione su un lavoro legale sostanziale.

Altri articoli per gli Studi Legali

Ricevi guide, applicazioni, ebook e corsi gratuiti per migliorare la produttività nel tuo Studio Legale

Cliccando su "Ricevi tutto", acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per essere contattato e dichiari di aver letto la nostra informativa sulla privacy.

small_c_popup.png

Compila il form per una consulenza Gratuita

In 10 secondi

Cliccando su "Invia", acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per essere contattato e dichiari di aver letto la nostra informativa sulla privacy.