L’uso dell’intelligenza artificiale nello Studio Legale

L'uso dell'intelligenza artificiale nello Studio Legale

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

L’evoluzione e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale (AI) è in aumento e non mostra segni di interruzione nel prossimo futuro. In effetti, Statista riferisce che si prevede che i ricavi globali delle applicazioni che utilizzano l’IA aumenteranno di quasi $ 30 miliardi entro il 2025. Con una crescita così imponente, non c’è da meravigliarsi che anche l’intelligenza artificiale nello Studio Legale stia diventando una tecnologia sempre più diffusa.

Per fortuna, il campo legale è un terreno fertile per i vantaggi della tecnologia AI. Le attività dispendiose in termini di tempo in cui gli avvocati hanno precedentemente impiegato risorse manuali possono ora essere eseguite utilizzando l’automazione e l’apprendimento automatico in meno tempo e con meno denaro. Per approfondire questo argomento, e quindi i vantaggi che può portare l’intelligenza artificiale nello Studio Legale, è possibile seguire il prossimo webinar di Nekte sull’automazione delle attività dello Studio Legale con la piattaforma Microsoft Automate.

Lo stato attuale dell’intelligenza artificiale nello Studio Legale

L’intelligenza artificiale nello Studio Legale è uno strumento utile che sta diventando sempre più utilizzato nelle applicazioni del mondo reale che imparano a completare le attività normalmente svolte dagli esseri umani.

Anche per i professionisti migliori al mondo, non è realistico per gli avvocati mantenere un catalogo completo di tutto ciò che avranno bisogno di sapere in ogni momento nella loro testa. Detto questo, avere accesso a tutti i dati rilevanti sulla procedura e sui risultati di una questione precedente può essere un enorme vantaggio nel produrre risultati favorevoli in questioni simili in futuro. È qui che entra in gioco l’IA.

Un rapporto di Harvard Law osserva: “poiché l’intelligenza artificiale può accedere a più dati rilevanti, può essere migliore degli avvocati nel prevedere gli esiti di controversie e procedimenti legali, aiutando così i clienti a prendere decisioni. Ad esempio, uno studio legale londinese ha utilizzato i dati sugli esiti di 600 casi in 12 mesi per creare un modello per la fattibilità dei casi di lesioni personali. Infatti, addestrato su 200 anni di record della Corte Suprema, un’intelligenza artificiale è già migliore di molti esperti umani nel prevedere le decisioni di SCOTUS.

L’intelligenza artificiale ha anche varie altre applicazioni, più semplici, di cui gli studi legali possono trarre vantaggio.

Invece di spendere ore di lavoro per completare compiti noiosi e noiosi, l’intelligenza artificiale nello Studio Legale può farli per te. Inoltre, l’IA può solitamente completare le attività in modo più efficiente, migliorando così la produttività e la standardizzazione.

Questo aumento della produttività consente allo Studio di riallocare le risorse necessarie per ottimizzare ulteriormente l’efficienza, ridurre la ridondanza e concentrarsi sulla crescita dei profitti.

Questi miglioramenti non sono semplicemente teorici. Secondo un recente articolo su Information Age, l’IA “non è un fenomeno totalmente nuovo e l’industria legale utilizza l’intelligenza artificiale nel processo di scoperta del contenzioso da quasi 10 anni“.

In effetti, l’intelligenza artificiale si è già fatta strada nella professione legale sotto forma di ricerca legale, revisione e gestione dei contratti, revisione dei documenti, previsione dei risultati legali e altro ancora.

L’ascesa dell’e-discovery è probabilmente il primo esempio di utilizzo dell’IA nella professione legale. Con tutto organizzato in formato elettronico, l’intelligenza artificiale nello Studio Legale consente ai litigator di organizzare, mettere in fila, raggruppare e cercare informazioni pertinenti in modi molto più efficienti di quanto consentirebbe la revisione manuale dei documenti cartacei.

Inoltre, secondo Bloomberg Law, l’AI “aiuta i ricercatori legali a portare alla luce documenti che non avrebbero potuto trovare in precedenza e a identificare più facilmente le somiglianze tra le opinioni dei tribunali. Costruita in cinque anni attraverso 13 milioni di pareri e conteggi, questa applicazione dell’IA può ridurre al minimo il numero di errori o documenti mancanti che un utente potrebbe dover affrontare “.

Ciò si traduce nella capacità di analizzare milioni di punti di dati legali, organizzati in modo efficiente in base a criteri pertinenti, per aiutare a prevedere il risultato e le spese di una questione, il tutto con la semplice pressione di pochi pulsanti. L’intelligenza artificiale nello Studio Legale può quindi fornire informazioni che non avresti nemmeno immaginato di cercare.

Gli impedimenti nell’adozione dell’intelligenza artificiale nello Studio Legale

Eliminare i posti di lavoro” a prima vista sembra un aspetto negativo. Ma quando i posti di lavoro eliminati rappresentano un elevato turnover e producono una bassa soddisfazione sul lavoro, è un chiaro vantaggio. Ciò lascia spazio per coltivare posizioni più qualificate e aumentare il valore dei dipendenti in modi non realistici senza che l’IA si faccia carico di alcuni degli oneri.

Un’altra preoccupazione assume la forma di riservatezza e sicurezza informatica, e giustamente. Un recente studio di un assicuratore ha rivelato che il 22% degli studi legali sono stati vittime di attacchi informatici, motivo in più per seguire i nostri 5 consigli per evitare questi problemi. Le vittime erano nomi più grandi nel campo di quanto ci si potrebbe aspettare, ma gli Studi più piccoli non sono affatto esenti. Ad esempio, questa cifra era del 35% negli studi legali con 10-49 avvocati, il che significa che oltre un terzo dei piccoli studi legali era stato violato.

Tuttavia, lungi dall’essere una responsabilità, CSO riferisce che l’intelligenza artificiale nello Studio Legale fornisce ulteriore supporto nella lotta alla costante minaccia degli attacchi informatici. Gli algoritmi di autoapprendimento incorporati in questa tecnologia consentono di comprendere e prevedere meglio le potenziali minacce in modi che gli esseri umani spesso non possono.

L’adozione della tecnologia AI è attualmente un mezzo per ottenere vantaggi di una maggiore produttività ed efficienza. Man mano che la tecnologia si evolve potrebbe non passare molto tempo prima che diventi un obbligo etico in quanto strumento non ci sono buone ragioni per non utilizzarlo.

Altri articoli per gli Studi Legali

Trasforma il tuo
Studio Legale

Iscriviti alla nostra newsletter Ricevi Gratuitamente Suggerimenti, Corsi E Offerte Per Il Tuo Studio Legale​

Cliccando su "Iscriviti", acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per essere contattato e dichiari di aver letto la nostra informativa sulla privacy.

Ricevi guide, applicazioni, ebook e corsi gratuiti per migliorare la produttività nel tuo Studio Legale

Cliccando su "Ricevi tutto", acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per essere contattato e dichiari di aver letto la nostra informativa sulla privacy.

small_c_popup.png

Compila il form per una consulenza Gratuita

In 10 secondi

Cliccando su "Invia", acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per essere contattato e dichiari di aver letto la nostra informativa sulla privacy.

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti un servizio più reattivo e personalizzato